La Sea Watch3 è bloccata al porto di Reggio Calabria da giorni. Colpevoli di aver salvato troppe vite umane

Da giorni nel porto di Reggio Calabria la Sea Watch3 è sottoposta al fermo amministrativo. È accusata di aver salvato troppo vite. Arrivata al porto di Reggio il 17 settembre con 427 migranti a bordo è stata subito bloccata. Poi, dopo oltre 13 ore di controlli, dal 23 settembre è sottoposta a fermo amministrativo. Il … Continua a leggere La Sea Watch3 è bloccata al porto di Reggio Calabria da giorni. Colpevoli di aver salvato troppe vite umane

Che schifo questo elogio della piccola (e assordante) Orban alla romana

I fascisti sono il primo partito d’Italia con il 26% del 64% degli aventi diritto al voto (l’astensione più alta di sempre). L’eccitazione che vedo correre sulle prime pagine mi disgusta. Se riusciranno a mettere in piedi un accrocchio di sodali per governare, sarà una festa per criticoni da prima pagina e politici da strapazzo … Continua a leggere Che schifo questo elogio della piccola (e assordante) Orban alla romana

Due anni di carcere per “sarcasmo online”. Libertà per Fatima Karim

Fatima Karim è stata condannata a due anni di reclusione per un post sui social è accusata di “attacco alla religione islamica” per aver commentato in tono satirico sulla sua pagina Facebook i versetti del Corano e gli hadith del profeta Maometto, considerati sacri nella tradizione musulmana Fatima ha 39 anni, è una blogger che … Continua a leggere Due anni di carcere per “sarcasmo online”. Libertà per Fatima Karim

La schiavitù esiste ancora. Oggi i 50 milioni di schiavi si chiamano migranti e working poor

Una persona su 150 nel mondo - e cioè oltre 50 milioni di persone - è vittima di schiavitù moderna. La schiavitù esiste ancora, cresce e prospera sotto il nome di emergenza migranti e working poor. Pandemia e guerra hanno contribuito al vertiginoso aumento: tre anni fa, nel 2019, se ne contavano 40,3 milioni. Schiavi … Continua a leggere La schiavitù esiste ancora. Oggi i 50 milioni di schiavi si chiamano migranti e working poor

Segregazione patriarcale in Calabria, nel 2022. E non se ne parla

A Isola Capo Rizzuto, dal 1984 un uomo di 75 anni teneva rinchiusa in casa la figlia oggi 53enne. Quando in famiglia è arrivata la nipote, che oggi ha 13 anni, il mal-trattamento riservato alla figlia è stato esteso anche alla nipote. Una vita di offese continue e prevaricazione. Rinchiuse in casa in “penose condizioni … Continua a leggere Segregazione patriarcale in Calabria, nel 2022. E non se ne parla

La Libia è un posto sicuro, sicuro come la morte. E l’Italia la riempie di soldi

L’Italia continua a investire per spostare oltre le frontiere Ue la ferocia europea. Il risveglio democratico del Pd in piena campagna elettorale non è bastato a fermare il rinnovo della creatura che lo stesso Pd ha contribuito a costruire: la missione italiana in Libia e quindi il finanziamento alla sedicente “Guardia costiera libica”, che è … Continua a leggere La Libia è un posto sicuro, sicuro come la morte. E l’Italia la riempie di soldi

90 anni senza Malatesta. Viva Errico Malatesta

«Non bisogna proporsi di tutto distruggere credendo che poi le cose si aggiusteranno da loro. Perché l’eliminazione delle istituzioni non deve comportare il peggioramento delle condizioni di vita degli individui. Oltre che ingiusto, infatti, sarebbe anche strategicamente controproducente, perché in pessime condizioni quegli individui tornerebbero a rivolgersi a una nuova autorità» Il #22luglio di novant’anni … Continua a leggere 90 anni senza Malatesta. Viva Errico Malatesta

Libertà per Öcalan e per la parola. Per Facebook è vietato scrivere di Kurdistan?

Lo scorso 11 febbraio, sui miei social, e quindi sulla mia pagina Facebook, ho postato un estratto dal mio libro “Quelli che Spezzano” (Fandango, 2020). Mesi dopo - guarda caso mentre la Nato vendeva la pelle dei curdi in cambio di un ok di Erdogan all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato - Facebook ha … Continua a leggere Libertà per Öcalan e per la parola. Per Facebook è vietato scrivere di Kurdistan?

Se l’Occidente accontenta Erdogan sulla pelle del Kurdistan e dei dissidenti 

La Turchia «ha avuto quello che chiedeva» ha fatto sapere Erdogan. Cosa voleva? L'estradizione dei ricercati curdi rifugiati in Finlandia e Svezia e la revoca delle restrizioni sulle armi imposte dopo l'incursione militare della Turchia nel 2019 nel nord-est della Siria. In nome dell’antiterrorismo e con la benedizione di Biden e del G7, Finlandia, Svezia … Continua a leggere Se l’Occidente accontenta Erdogan sulla pelle del Kurdistan e dei dissidenti 

Da #Melilla al #Texas. Le #frontiere uccidono sempre e ovunque

Mentre le 37 persone morte nella mattanza di Melilla, al confine che separa l’Africa dall’Europa, vengono seppellite in fosse comuni, senza identificazioni o autopsie, dall’altra parte dell’Oceano, nel giugno più caldo mai registrato a San Antonio, in Texas, 46 persone sono morte soffocate dentro un trattore-rimorchio, cercavano di attraversare il confine tra Messico e Stati … Continua a leggere Da #Melilla al #Texas. Le #frontiere uccidono sempre e ovunque